Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies
content-top-1
content-top-2
content-top-3
message
component
TERMINATA LA TAPPA DI NAPOLI: INTERVISTA A STEFANO GUERCILENA

Appena conclusa la tappa di Napoli della Seconda Fase del Tour Music Fest 2017. Sono stati due giorni ricchi di sorprese e buona musica. 

Al termine della termine della tappa di Napoli abbiamo intervistato Stefano Guercilena, giurato TMF e musicista professionista che quest'anno è alla sua prima esperienza con il Tour Music Fest.

Ciao Stefano, com'è andata questa tappa di Napoli? Hai notato miglioramenti tra la prima e la seconda fase?

La tappa di Napoli molto interessante, ho ascoltato molti artisti originali e sono rimasto sorpreso dalla notevole evoluzione che ho riscontrato in alcuni di loro tra la prima e seconda fase.

Napoli regala sempre sorprese con tanti artisti originali e band molto preparate. C'è stato qualcuno che ti ha sorpreso in maniera particolare?

Ho visto molti artisti interessanti, molte proposte dai cantautori alle band con grandi personalità, progetti musicali molto validi e ricercati che buttano un occhio all’influenza della musica di oggi con un pizzico di radice partenopea.

Questo è il tuo primo anno da giurato TMF. Cosa significa per te far parte della commissione artistica del TMF?

Per me è il primo anno qui al Tour Music Fest e far parte della commissione artistica è un grande onore. L’idea è di dare delle osservazioni, consigli che incentivino l’artista a tirar fuori la propria personalità puntando ad una propria identità artistica e un miglioramento nei vari parametri tecnici.

La scorsa settimana hai avuto anche la possibilità di partecipare al Band Camp in qualità di Coach. Come hai vissuto questa esperienza e come giudichi il lavoro del TMF nel panorama della musica emergente italiana?

L' esperienza al Band Camp che mi ha toccato profondamente. Si respira musica 24 ore su 24 stimolando sia le band che i cantanti con i vari laboratori su tutti profili possibili. Io ho curato i “Song Lab “spingendo i ragazzi a creare un brano completo dal punto di vista melodico armonico, utilizzando come spunto una poesia di Neruda per creare il testo. Devo dire che i ragazzi si sono divertiti e hanno lavorato con grande professionalità, trovando nuovi stimoli e nuove prospettive. 

Ho tenuto una masterclass dedicata ai bassisti durante la quale abbiamo parlato del ruolo del bassista e dell’importanza della solidità nel timing, dell’essenzialità della scelta melodica per costruire linee efficaci. Penso che le attività ai Music Camp siano estremamente formative sotto l’aspetto didattico ma soprattutto umano perché c’è una gran condivisione e l’opportunità di mettersi a confronto e in contatto con altri artisti da tutta Italia stringendo anche collaborazioni. Un’opportunità da vivere al massimo.

Ringraziamo Stefano Guercilena per la disponibilità e vi diamo appuntamento a Milano per un'altra tappa della Seconda Fase del Tour Music Fest 2017. La strada verso la Finale di Roma continua! Stay tuned!

We love tour music!

 
Share.
content-bottom