Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies
content-top-1
content-top-2
content-top-3
message
component
Esce P(ericolo) Il Rap di oggi secondo Frabolo

Alla vigilia dell'uscita del suo nuovo brano dal titolo P(ericolo), abbiamo intervistato Frabolo, rapper vincitore al TMF 2016.

Abbiamo visto in anteprima il video, prodotto da Ombra produzioni in collaborazione con il Tour Music Fest, e vi possiamo assicurare che sarà una bella sorpresa!

Ecco cosa ci ha detto Frabolo sul suo ultimo lavoro in uscita domani:

1) Con Ancora Vivo hai dimostrato di saper spaziare tra le varie sfumature del rap con un pezzo un po' più "Pop" se così si può definire, in quest'ottica come definiresti (P)ericolo?

Ancora Vivo rappresenta una delle mie tante sfumature musicali, così come il nuovo singolo (P)ericolo, forse nel primo è più presente Francesco rispetto a Frabolo, mentre nel secondo viceversa, ma comunque sono sempre io.
Una delle tante cose che mi ha sempre ostacolato, in termini discografici, ma di cui oggi vado fiero, è la mia assoluta poliedricità musicale, che col tempo penso sia diventata anche la mia caratteristica principale, la mia musica ha tante sfaccettature e tante influenze.
Tornando a (P)ericolo, è un brano che non è classificabile, nessuna radio avrebbe il coraggio di passarlo...
Per farla breve, è un cazzotto nei denti a tutti questi fenomeni che giocano a fare i fenomeni quando invece dovrebbero starsene a casa (scusa la ripetizione).

2) Possiamo dire che il rap italiano oggi è in (P)ericolo?

Ma sai il problema non è tanto il rap italiano, è il contesto storico in cui viviamo che è la vera fregatura.
Premetto, io non sono un nostalgico degli anni ’90… si, è ovvio, sono cresciuto in quel periodo e sono cresciuto con quella musica lì (Sangue Misto, Colle Der Fomento, Assalti Frontali, ecc.ecc…), ma non sono il tipo di persona che ti dice “Ahhh come sarebbe bello tornare indietro a quella roba là…”, oppure “Ahhh la musica rap di oggi fa tutta schifo!”, assolutamente! Personalmente mi piace un sacco di roba nuova.
Allo stesso tempo però non riesco a capire tante cose, per esempio se oggi lo standard deve essere raccontare che ti sei comprato le sneakers nuove e che ti fai le fighe più belle del mondo, perdonami bro ma secondo me c’è qualcosa che non va.
Quando facevo le medie, se i Colle mi avessero raccontando queste puttanate nelle loro canzoni probabilmente mi sarei fatto venire un infarto dalla disperazione, primo perchè io c’avevo solo due paia di scarpe nell’armadio, e poi perchè non mi si filava nessuna ragazza.

3) Com'è nata l'dea del video che ricordiamo è prodotto da Ombra Produzioni in collaborazione con il Tour Music Fest?

Ho mandato il pezzo a Giacomo e Lorenzo (Ombra Produzioni), e abbiamo iniziato a pensare ad un sacco di idee diverse.
Il filo conduttore del video sono io che sparo a zero su tutto quello che mi passa per la testa, senza però prendermi troppo sul serio…
Alla fine volevamo fare qualcosa di originale, divertente, e colorato, che desse quel tocco in più al brano, speriamo di esserci riusciti.
Comunque gli attori e le comparse sono proprio il top, non credi? Ahaha…

4) Questo video, che abbiamo visto in anteprima, sbaglio o vuole essere un po' una parodia del rap attuale fatto di vestiti firmati, macchine e capelli tinti?

Allora guarda ti rispondo così: diciamo che se non avessi fatto io questo video, se l’avesse fatto qualcun altro, avrei pensato subito dentro di me “Ohhh finalmente, qualcosa di diverso!”; dici che sono troppo di parte? Mmmhhh…
Comunque si, è senz’altro una parodia, soprattutto volevo fare qualcosa che mi discostasse di gran lunga da un certo tipo di stereotipo che non mi appartiene nel modo più assoluto.

5) Dagli Articolo 31 alla trap il rap in Italia è cambiato molto, dove ti collochi all'interno della scena rap attuale?

Il più lontano possibile.
Rispetto tutti, dal primo all’ultimo (ora magari non esageriamo), ma per me ci sono solo io, la Mia Musica, e tutte quelle persone con le quali condivido e condividerò il mio percorso, il resto c’è e ci sarà, ma ho deciso da tempo che non mi deve riguardare.
Non m’interessa far parte di qualcosa, io sono già qualcosa, così come lo è ciascuno di noi, magari suona come un ragionamento un po’ presuntuoso, ma ti assicuro non intende esserlo; voglio solo poter essere libero di fare quello che mi pare, sarà poi eventualmente il pubblico ad inserirmi nel contesto che riterrà più opportuno.

6) Il nuovo singolo è prodotto da Dr.Noise, torna quindi la coppia che ha vinto il Tour Music Fest nel 2016, c'è da aspettarsi qualcosa di nuovo da questa collaborazione? Magari un nuovo album?

Chissà, posso solo dirti che io e il Dottore siamo una coppia che scoppia, boom!
(P)ericolo è soltanto un antipasto…
La roba nuova poi parlerà da sola, e detto onestamente, non vedo l’ora!

Grazie Francesco, sempre gentile e simpaticissimo! In bocca al lupo per i tuoi nuovi progetti e per l'uscita di P(ericolo).

 

 
Share.
content-bottom