Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies
content-top-1
content-top-2
content-top-3
message
component
FRABOLO: ESCE IL SINGOLO CHE HA VINTO LA CATEGORIA RAPPER AL TMF 2016

Oggi esce Yo Bolo, il brano con cui Frabolo, all'anagrafe Francesco Bolognesi, giovane rapper toscano ha vinto la categoria Rapper al Tour Music Fest 2016.

In occasione dell'uscita del suo ultimo singolo abbiamo incontrato Frabolo per parlare di Yo Bolo ma non solo, ecco cosa ci ha detto:

Allora Francesco, per prima cosa ti chiederei come ti sei avvicinato al rap e quando hai capito che la musica sarebbe stata la tua strada?

Sarò onesto: sinceramente non l'ho ancora capito... (ride, ndr).

Credo che la musica non sia mai stata per me una strada da seguire, bensì un vero e proprio mezzo di trasporto, la mia personale macchina del tempo. Non hai idea di quanti viaggi mi faccio e mi sono fatto.

Per quanto riguarda il mio primo contatto con il mondo dell'hip-hop è stato su MTV con i primissimi video rap americani, e da lì è stato subito amore a primo ascolto, poi hanno seguito i Sangue Misto, i Colle Der Fomento, gli Assalti Frontali, Bassi Maestro e tanti altri.

In Yo Bolo citi i  Run DMC, i Beastie Boys e i Cypress Hill. Quali rapper hanno influenzato il tuo modo di fare musica?

A parte questi tre storici gruppi, direi un po' tutti, italiani e non; ho sempre ascoltato un sacco di roba, potrei farti una lista infinita di artisti che mi hanno ispirato, ma sicuramente Eminem è quello che ancora oggi mi stupisce di più.

Yo Bolo è un pezzo che va oltre i suoni del rap tradizionale, non si può certo dire che non sia originale, ci parleresti del perchè hai scelto di fare un pezzo così fuori dagli schemi?

Un giorno in studio ho fatto ascoltare a Dr. Noise un giro di basso che avevo fatto...poi lui ha fatto tutto il resto...ed è uscita una bomba.

Volevo fare qualcosa di fresco che si allontanasse da quel sound che oggi si ripete costantemente in tutti i dischi rap, però che allo stesso tempo riprendesse anche quelle sonorità "90's" che come dicevo prima mi hanno fatto avvicinare a questo genere.

Yo Bolo è un pezzo che non rende conto a nessuno, se non a me stesso, e forse è per questo che esce un po' dagli schemi.

Fare musica spesso vuol dire fare sacrifici e la cosa più importante è crederci sempre, nonostante ci siano momenti in cui mollare sembra la scelta più facile. Cosa spinge un artista a continuare a fare rap?

Qui sarò breve: solo la passione, quella vera, nient'altro. Chi non ce l’ha prima o poi smette.

Come giudichi la situazione del rap italiano attuale e qual'è la tua opinione sulle nuove correnti che si stanno affermando?

Boh, penso ci sia molta confusione, ma detto francamente non m’interessa più di tanto.

Non vorrei sembrare snob, cerco solo di fare il mio, come ho sempre fatto, senza badare troppo a quello che verrà.

Il fenomeno della “trap” non è più una novità, anzi, è già una cosa vecchia, nel senso che chi doveva affermarsi l’ha già fatto, gli altri sono solo copie.

Non mi sono mai sentito a mio agio in una determinata categoria, con una determinata attitudine, che il più delle volte è anche forzata. Le giostre che girano non mi sono mai piaciute, mi hanno sempre fatto venire la nausea.

Citando una frase della tua canzone la domanda è quasi d'obbligo: "Cosa ci fa uno come te al Tour Music Fest?

Non lo so, passavo di lì…(ride, ndr).

Come hai vissuto l'avventura al TMF insieme a Dr Noise?

Ci siamo divertiti come dei pazzi, per noi non è mai stata una gara, l’abbiamo affrontata nel modo giusto, forse anche fregandocene della gara stessa.

A tuo parere quale ruolo svolge il Tour Music Fest all'interno della musica emergente italiana ed in particolare per quanto riguarda il rap?

La crescita artistica e musicale arriva attraverso il confronto e la condivisione, il Tour Music Fest offre entrambe le cose.

Ultima domanda, secondo te cosa serve oggi nel rap per fare la differenza?

Semplice, non essere una copia di qualcun altro.

Ora però vi faccio una domanda io: vi piace la canzone?

Dopo aver riascoltato il pezzo possiamo dire che è molto forte e sicuramente live riesce ad esprimere tutte le sue potenzialità, quindi se vi capita andate a un suo live!

Ringraziamo Frabolo per la disponibilità e gli facciamo un grande in bocca al lupo per i suoi progetti futuri!

We love your music!

 
Share.
content-bottom