Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati, nel corso del loro normale utilizzo, si avvalgono di cookie utili a migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni relative all'utilizzo del sito stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina, cliccando su qualsiasi elemento o proseguendo la navigazione, acconsenti al loro utilizzo in conformità alla nostra Cookie Policy.
Informativa Cookie Policy
Accetto i cookies
content-top-1
content-top-2
content-top-3
message
component
TRE CONSIGLI CHE UN MUSICISTA NON DOVREBBE MAI SEGUIRE

TRE CONSIGLI CHE UN MUSICISTA NON DOVREBBE MAI SEGUIRE

Oggi sembra che tutti abbiano l'idea giusta per sfondare nel mondo della musica. Non sempre però conviene ascoltare i consigli che ci vengono dati.

Ai Music Camp del Tour Music Fest, i nostri coach si confrontano con i ragazzi dando consigli mirati e spiegando loro cosa si può migliorare. Aiutare gli artisti a crescere è uno degli aspetti che sta alla base della Mission del Tour Music Fest. Già durante la Prima Fase, la commissione tiene un colloquio individuale con ogni artista dopo l'esibizione per spiegare quali sono i suoi punti di forza e dove invece si può migliorare.

Purtroppo però, nella vita di ogni musicista capita di incontrare persone che, sopratutto quando un artista è giovane, danno consigli poco utili e lontani dalla realtà. Inoltre, con tutte le sciocchezze che sono in giro è sempre più difficile distinguere quello che c'è di buono nel mare immenso delle informazioni che si possono trovare su internet. In più, come se non bastasse, a volte ci troviamo di fronte ad esponenti di case discografiche che non sono al passo coi tempi.

In questo articolo ci sono tre consigli da non seguire che sicuramente nel corso della tua carriera ti sarà capitato o ti capiterà di ricevere.

1. "Basta inviare la demo, qualcuno alla fine ti noterà!"

Sbagliato. Nessuno se ne accorgerà. Perché? Perché le demo inviate alle grandi società vengono quasi sempre buttate direttamente nel cestino. Nel mondo della discografia, soprattutto nelle grandi case discografiche, ci sono così tanti livelli tra i dirigenti e colui che riceve la posta elettronica che è praticamente impossibile che la tua demo arrivi ai piani alti.

Nonostante questo non è il caso di perdere la speranza, per far ascoltare la tua musica devi rivolgerti alle persone giuste. Case discografiche indipendenti, che organizzano concerti nella tua città sono, per esempio, facilmente raggiungibili. Se è possibile invia la tua demo direttamente a loro, di solito è semplice trovare i contatti su internet, soprattutto grazie ai social network. La cosa migliore in questo caso sarebbe informarti delle date che organizzano e andare al concerto. Troverai sicuramente un rappresentante dell'etichetta e potrai consegnare a lui il tuo lavoro. Le persone giuste sono quelle che hanno a che fare regolarmente con i dirigenti e se riuscirai a fare una bella impressione stai pur certo che la tua demo arriverà presto su qualche scrivania importante.

2. "Il duro lavoro paga."

Sbagliato di nuovo. In un mondo perfetto, tutto il duro lavoro paga, certo! Ma in realtà, solo perché dal tuo punto di vista stai "lavorando duro", questo non ti garantirà di fare carriera ed avere successo. Semplicemente non funziona così. Ciò che funziona, però, è fare in modo di lavorare meglio, non di più. Lavora a ciò che è direttamente collegato al tuo obiettivo e assicurati di fare progressi nella giusta direzione. Continua ad imparare e porta avanti il tuo percorso di formazione artistica. Il lavoro duro è solo una parte di tutto questo, ciò che conta è fare le cose giuste nel modo giusto e soprattutto seguendo il giusto fine.

3. "Basta fare quello che ti piace, i soldi arrivano."

Questo è il consiglio peggiore! Solo perché ti piace fare una cosa, ciò non significa necessariamente che qualcuno sarà disposto a pagarti. Pensare che fare quello che ti piace un giorno ti porterà al successo e ti farà guadagnare, si avvicina molto ad un sogno. Non mi piace dire queste cose ma è una semplice questione di mercato: domanda e offerta. Se c'è eccesso di offerta il prezzo si abbassa.

Prendiamo per esempio i musicisti by night. Sono coloro che di giorno fanno i medici o gli avvocati o qualsiasi altro lavoro e di sera vanno a suonare nei locali. Probabilmente il loro sogno è da sempre quello di fare i musicisti e quindi si accontentano di suonare gratis nei locali il sabato sera.
Questa è una delle ragioni per cui i proprietari dei locali si rifiutano di pagare i veri musicisti. Perché pagare qualcuno quando puoi avere un servizio simile gratuitamente o quasi?

Per questo bisogna distinguersi. Dare un impronta forte alla propria musica ed essere in grado di proporre qualcosa di diverso da tutti gli altri. In questo modo sarai in grado di fare tu il prezzo. Il talento purtroppo non basta e cantare in cameretta non ti servirà più di tanto a diventare famoso.

Il consiglio è di capire dove la tua passione e i tuoi interessi si intersecano con il maggior successo possibile (anche finanziario) e andare dritto verso l'obiettivo.

 

 

Libera traduzione da blog.sonicbids.com

 
Share.
content-bottom